Molteno sconfitta a Cologne

COLOGNE – MOLTENO 28-20

Inizia con una sconfitta il 2018 per la seconda squadra dell’ H.C. San Giorgio Molteno: a onor del vero però si tratta della prima partita che questa squadra perde, infatti fino a ieri aveva disputato un campionato ineccepibile, vincendo 4 partite su 4. Si trattava comunque di un match a rischio: la scuola colognese non la scopriamo oggi; però anche tra le fila dei brianzoli molti gli elementi di spicco, titolari in A1, probabilmente di livello superiore a quello dei ragazzi di Cologne. Quando il nostro attacco ha giocato in velocità, e ha giocato di squadra, in pochi passaggi si è andati in rete. Ma è avvenuto raramente: troppo spesso il gioco del Molteno è risultato spezzettato e interrotto da iniziative personali spesso forzate, quasi sempre sterili: ciò è stato utilissimo per la difesa avversaria. Se questi ragazzi potessero allenarsi più spesso tra loro nei ruoli che occupano in B, la musica potrebbe essere molto diversa.

Ultima nota ma non certo ultima per importanza nell’economia del match, la giornata non eccelsa dei nostri portieri, la cui prestazione ha sicuramente contribuito a demoralizzare i compagni in campo. Insomma, la sconfitta per quanto si è visto in campo ci sta tutta, da analizzare ora errori e individuare i correttivi per trarne vantaggio.

Andando alla cronaca, il primo tempo è stato giocato punto a punto in un equilibrio quasi perfetto e si è concluso sul 13-12 per i locali. Nel secondo è aumentato il numero di palle perse in attacco e di errori in porta dalla parte moltenese, mentre, per contro, il portiere di Cologne si è esaltato neutralizzando un gran numero di tiri degli oro-nero. Il vantaggio dei locali è andato crescendo fino al +4 / +5, e insufficiente è stata la reazione mostrata dalla squadra nonostante due time out chiamati da Luca Colombo. Negli ultimi 10 minuti il Cologne ha preso il largo chiudendo la gara 28-20.

Il campionato ovviamente è tutt’altro che compromesso, il messaggio che arriva però è che quando il livello dell’avversario sale, ci vuole qualcosa di più da parte di tutti, non basta affidarsi all’iniziativa personale.

Tabellini:

Beretta, Thiaw, Redaelli 5, Garroni 1, Breda 1, Stefanoni 4, Riva S. 2, Zanoletti 3, Fumagalli, Mazza 1, Pirola 1, Frigerio 1, Riva A. 1, Maggioni.

All. Colombo.