Chiusura con brindisi!

SAL. RIVA MOLTENO – BRIXEN   25 – 19 (p.t.  12 – 9)

 

Chiusura con brindisi!

Cala il sipario sul 2018 del Salumificio Riva Molteno e l’ultima recita, tra le mura amiche, è nel solco delle recenti, vittoriose rappresentazioni. Due punti contro un Bressanone pimpante e ben messo in campo, rinforzato per l’occasione (come fece anche Cassano) da numerosi innesti provenienti dalla formazione di A1. Evidentemente quella contro Molteno non è mai una gara ‘normale’ e il rispetto riconosciutoci dagli avversari ci deve solo riempire d’orgoglio. Anche se tutto è più difficile, anche se a volte ci tocca pagar dazio.

Ad onta infatti di una classifica non esaltante Brixen si è presentato al Palasangiorgio col vestito buono, intenzionato a mettere a dura prova la difesa dei ragazzi di Alfredo Rodriguez in forza di un sorprendente gioco d’attacco, ben diverso da quello delle ultime apparizioni studiato dai nostri in settimana. Non tragga pertanto in inganno lo score della partita: lo scoppiettante primo quarto d’ora (3-0, 5-2, 7-3) è sì in buona parte da ascrivere all’iniziale verve realizzativa di Brambo (3 reti), ma anche e soprattutto all’ottima performance tra i pali di Martino Redaelli, che in più di un’occasione ha dovuto far ricorso al suo miglior repertorio, e a un rigore sbagliato dai nostri avversari. Quando abbiamo abbassato la guardia i brissinesi si sono infatti immediatamente riportati sotto, fino addirittura a passare in vantaggio (7-8) al 21’ sfruttando a pieno un evidente calo di concentrazione di Zano (capitano per elezione) & C.. Lusso che non ci si può evidentemente permettere contro gente abituata, per tratto genetico, a non mollare mai. Una classica ‘doccia scozzese’ che ha avuto però un effetto tonificante sui nostri ragazzi, la cui contro-reazione ha sortito gli effetti sperati e permesso di andare al riposo con sufficiente tranquillità (12-9).

Ripresa con la marcia subito ingranata e Brixen stordito dalle reti a raffica di Samuele Riva, Gioele Mella, Este Alonso e Brambo. 16-10 all’8’ che pareva tombale. Invece altro calo di tensione e altro riavvicinamento dei bianco-verdi (16-13, 18-16). Poi di nuovo altalena: dal 20-16 al 21-19 al 53’ e rinnovata strizza da ‘braccino corto’. Finale però ancora una volta perentorio, con rete inviolata e goals all’attivo a quota 25. Sugli scudi Samuele Riva, autore di ben 5 reti e di una prova di spessore, e il trio Mella/Brambilla/Alonso (4 reti a testa).  Alle fine la vittoria è più che meritata e il brindisi, al termine dell’anno solare, è d’obbligo. Anche perché, dopo il quarto successo casalingo, restiamo saldamente agganciati al treno di testa, in piena corsa verso la poule promozione.

Il bilancio dei primi quattro mesi a guida Rodriguez è indubbiamente positivo, ma ciò che fa ben sperare è che i margini di ulteriore miglioramento sono ancora notevoli. Il reparto maggiormente cresciuto è quello difensivo (20,3 reti subite di media), la cui solidità, nonostante qualche comprensibile amnesia, è ormai ampiamente collaudata. Possiamo invece migliorare la gestione della gara (ne abbiamo le capacità), essere un po’ più cinici e recuperare precisione nelle conclusioni, anche in quelle apparentemente facili. Nulla che non si possa sistemare, a patto che si continui a lavorare con l’impegno e l’umiltà che sinora hanno contraddistinto il nostro operato. Nello sport è l’unica medicina veramente efficace.

Libiamo nei lieti calici, pertanto, soprattutto in concomitanza con le festività natalizie. Ma senza eccedere e limitando le libagioni. Recuperiamo preziose energie, fisiche e mentali, poiché il percorso che ci attende è ancora lungo e impegnativo.

Buone Feste a tutti!!

[table id=72 /]