Si accorciano le distanze tra il suo pieno recupero ed il debutto in campionato.
Lo aspettano tutti, dopo lo sfortunato incidente dello scorso marzo (infortunio alla spalla), Gioele Mella, trepida nel poter dare il suo contributo alla causa moltenese.
Della serie, ecco i “nostri ragazzi”, oggi l’intervista è rivolta a Gioele Mella, atleta nato a Lecco il 15 novembre 1997 (auguri anche se in ritardo!), residente a Molteno e studente di Informatica presso l’Università degli studi di Milano Bicocca.
Ciao Gioele e grazie per la tua disponibilità. Partiamo proprio su ciò che purtroppo è accaduto la scorsa stagione:
<< Lo scorso marzo eravamo a giocare a Innsbruck una partita che si preannunciava combattuta dato il risultato dell’andata: avevamo perso di un solo gol. Infatti la partita si è svolta a ritmi molto alti e durante uno scontro di gioco in difesa, sfortunatamente, ho riportato un infortunio alla spalla che mi ha costretto a concludere anticipatamente la stagione e quindi a non partecipare alla fase finale dei play-off >>.
Ritorneremo su questa vicenda. Ma cerchiamo adesso, con Gioele, di ripercorrere la sua attività agonistica. Come nasce la passione per la pallamano?
<< La mia passione per la pallamano nasce in seconda elementare grazie a Matteo Rigamonti che al tempo si occupava delle giovanili del Molteno. Ho cominciato a giocare a pallamano all’età di 7 anni e da lì fino ad oggi ho sempre giocato nell’ H.C. San Giorgio Molteno. Questo sport è fatto di tanti sacrifici ma mi ha regalato grandi soddisfazioni: la vittoria del campionato in Under 12, la promozione in A1 nel 2016-17 e sempre nello stesso anno la conquista del titolo di campioni d’Italia con l’Under 21, durante il quale ho ottenuto il riconoscimento come “Miglior terzino destro”. La vittoria con l’Under 21 è stata per me un grande traguardo e voglio ringraziare quel grande gruppo che ha reso possibile questa esperienza indimenticabile >>.
Abbiamo capito che Gioele, gioca come terzino destro, un ruolo ricoperto solitamente da giocatori mancini.
Ma ritorniamo all’infortunio Gioele, per un attimo, hai pensato a smettere di giocare ?
<< Sinceramente c’è stato un momento in cui ho pensato di smettere. Però la passione per questo sport e il supporto dei miei compagni e della mia famiglia mi hanno convinto a continuare >>.
Come sta andando ora il tuo recupero fisico ed agonistico ?
<< Il recupero sta andando bene. Giorno dopo giorno ci sono dei miglioramenti e spero che per la fine di gennaio possa rientrare in campo insieme ai miei compagni >>.
Bellissima notizia Gioele !
Proviamo a capire quali sono le tue doti principali:
<< Se dovessi individuare delle doti, credo che siano il cambio di direzione e lo spirito di sacrificio che mi spinge a dare sempre il massimo. Devo migliorare sia dal punto di vista tecnico, aspetto in cui c’è sempre da imparare, ma anche dal punto di vista fisico in quanto subisco ancora il confronto con avversari più preparati >>.
Veniamo alla stagione 2019-2020. Come vedi il Salumificio F.lli Riva Molteno ?
<< Il Molteno nonostante le due  sconfitte, ha fatto un buon inizio di campionato, sta lavorando bene e partita dopo partita cerca sempre di migliorare. Rispetto allo scorso anno è un campionato molto combattuto, e sono bastate poche partite per capire che ci sono diverse squadre a competere per le prime posizioni. Il Molteno è sicuramente tra queste, lo sta dimostrando e credo che se continua su questa strada, potrà fare molto bene >>.
Grazie Gioele per l’intervista: ti aspettiamo a braccia aperte !
Il Molteno ha bisogno di te, come Gioele ha bisogno del Molteno.