Molteno - Siena, servirà la partita perfetta !

Sabato pomeriggio alle 18, il Salumificio Riva Molteno, scenderà in campo per l’ultima sfida del girone di andata della Serie A Beretta, con la compagine del tecnico Salvatore Onelli, che affronta l’ostico Ego Handball Siena formazione che in settimana, ha superato, nel recupero della dodicesima giornata, il Bolzano con il punteggio di 28-26. Siena e Bolzano si sono incontrati a pochi mesi si distanza dalla finale di Coppa Italia, con i toscani, che questa volta, riescono a portare a casa la vittoria, con la Ego che guidata dai suoi senatori gioca una gara con convinzione, determinata, portando a casa i due punti. Tutto questo per affermare il potenziale di una squadra in salute, composta da atleti di grande esperienza, e giovani interessanti.
La Ego Handball Siena nasce ufficialmente nel luglio 2018. La pallamano a Siena viene portata da Marco Santandrea, presidente dell’azienda Ego, sponsor precedentemente della Pallamano Tavarnelle. Dopo la riforma del campionato e la conseguente retrocessione del Tavarnelle, la volontà di avere una squadra toscana in Serie A, unita alla volontà della Federazione di coinvolgere le grandi città italiane nella pallamano, fanno sì che la l’Ego Siena acquisisca il titolo sportivo per la massima serie dal Tavarnelle per la stagione 2018-2019. Alla prima stagione nella massima serie, l’Ego Siena raggiunge una tranquilla salvezza chiudendo il campionato all’ottavo posto e sfiora una clamorosa qualificazione alle Final 8 di Coppa Italia. Nella successiva stagione, ospita la Final 8 di Coppa Italia al PalaEstra, perdendo contro Bolzano la finale.
Veniamo al Salumificio Riva Molteno. I ragazzi di coach Onelli arrivano, indubbiamente da un risultato difficile da assimilare in quel di Trieste, ma da una prestazione decisamente di grande risonanza. Un Salumificio Riva Molteno volitivo, compatto ed in qualche modo, cambiato.
Sentiamo le parole del nuovo allenatore Salvatore Onelli sul match di sabato:
<< Siena è una società ambiziosa ed in poco tempo ha saputo prendersi il suo spazio in un contesto nazionale. L’ho affrontata quattro volte, vincendo in una sola occasione. Una squadra costruita per occupare le zone alte della classifica ed allenata da un tecnico di spessore come Branko Dumnic >>
Onelli, quali sono state le differenze principali che ha riscontrato nel Molteno, dopo la prima partita contro Fasano e quella contro Trieste ?
<< Direi sostanziali. La prima gara è arrivata dopo che avevo svolto solo un allenamento, e quindi, non ho avuto il tempo necessario per costruire un certo rapporto umano, tecnico e tattico con la squadra.
Poi ci sono state le due settimane di stop, dove abbiamo lavorato con intensità e continuità. Le prime risposte le ho avute a Trieste dove Molteno ha giocato bene. Decisamente tanti miglioramenti in difesa, e c’è stata una forte collaborazione tra i reparti, e maggiore rapidità di gioco in fase offensiva. Segnare 27 reti a Trieste è un segnale importante. Peccato per il risultato – conclude Onelli – ma posso dire che vedo un Molteno decisamente migliorato ed in crescita >>.
Servira quindi la partita perfetta sabato pomeriggio del Salumificio Riva Molteno, per cercare di superare l’Ego Siena che certamente dopo la prova contro Bolzano, verrà a Molteno per continuare il suo percorso. La squadra moltenese sta crescendo e deve continuare a perseguire il proprio obbiettivo, combattendo sino all’ultimo, con questo cambio di mentalita, come nell’ultima partita. Forza ragazzi !